FAI CAPIRE AL TUO CLIENTE CELIACO… CHE TIENI ALLA SUA SALUTE

Il tuo cliente celiaco incontra spesso difficoltà a trovare prodotti “commestibili” e adatti alle sue esigenze, vorrebbe potersi coccolare con dei cibi che anche gli “umani” gradirebbero mangiare. Noi sappiamo che anche tu hai la certezza che i dolci a lui dedicati non sono buoni.

Esatto.

Hanno solo le sembianze di un dolce ma non lo sono.

Pensa ad esempio al giorno del compleanno di tuo figlio. E’ la parte più difficile. Sogna di poter organizzare una festa fantastica a casa sua. Dopo il giorno di Natale , il suo compleanno è, in ordine di rilevanza, il  giorno più bello ed atteso di tutti i bambini. Mancano ancora tre settimane ma viene da te e ti chiede: <<vero che quest’anno lo possiamo festeggiare con i miei amici il mio compleanno?>>…

Come si possono deludere due occhi così estasiati e disattendere richieste così sentite e fondamentali per la sua socializzazione? NON SI PUO’!! Bisogna trovare una soluzione.

Non può proprio farne a meno, con largo anticipo inizia a preparare i biglietti di invito, un tripudio di colori, ed il suo eroe preferito dà appuntamento a Francesco, Marco, Giuseppe ed una decina di altri compagni di scuola: “Non mancare sabato pomeriggio, ti aspetto a casa mia con tutta la tua allegria e voglia di giocare per trascorrere insieme il mio compleanno”.

Ma tu sai che l’amico Francesco è intollerante al lattosio, i genitori di Marco sono vegani, l’amico Giuseppe segue una dieta senza uova. Per una volta vorresti che tutti potessero mangiare la stessa cosa, ed in questa circostanza fare delle diversità un’opportuna di condivisione UNICA…

E’ arrivato il fatidico giorno, la sveglia non è puntata, i sogni sono ancora incollati al cuscino ma l’adrenalina e l’agitazione lo svegliano prestissimo. Non sta più nella pelle. Bisogna assolutamente impegnare il tempo ed anche i preparativi diventano parte della magia di questa giornata. Si gonfiano i palloncini colorati e si uniscono insieme in lunghe ghirlande che addobbano tutto il salone. Con tanta dedizione vuole aiutarti in cucina a preparare snack e spuntini per la merenda. Mentre è intento, anche se ancora con mani incerte rischia di rovesciare un piatto con le creazioni appena sfornate, ti accorgi che con tutta la sua fantasia adesso crea una composizione gioiosa e briosa di ciotole grandi, piccole e vassoi contenenti una varietà di golosità ben disposte sul tavolo. (lo sai, non sempre sono salutari). Una visione emozionante che da sola ti fa dimenticare la laboriosità dell’organizzazione. C’è anche lo stereo con la musica ed i tormentoni che cantano tutti a scuola. E’ arrivato il mago con la sua valigetta, all’interno tanti trucchi, scherzi, giochi ed illusioni che renderanno memorabile quel pomeriggio. Come saranno indimenticabili quei momenti di gioia, lo stupore sui loro volti, sguardi attenti, ridenti ed increduli assistono allo spettacolo. L’ordinario che diventa magia. Scaldano il cuore.

L’alimentazione è il primo passo che facciamo per poterci godere la vita appieno ed avere un futuro sereno e radioso da poter spendere con i nostri cari. Ma il cibo è una fonte, oltre che di alimenti per la nostra salute, anche di momenti che ci fanno stare bene per la situazione in cui si consuma.

Sappiamo bene che nel nostro Paese i prodotti derivati dal glutine hanno un grado di desiderabilità sociale molto alto, e doverci rinunciare significa dover rinunciare ad un alto tasso di vita sociale. Molto spesso al celiaco, può capitare che questo problema intralci l’accettazione psicologica della malattia, ed il conseguente adattamento che dovrebbe verificarsi normalmente, è una reazione che non avviene, facendosi invece sopraffare dallo shock della malattia.

Come ti è noto non esiste una terapia farmacologica, ma l’unica terapia disponibile è una dieta aglutinata da rispettare scrupolosamente giorno dopo giorno, per tutta la vita. Inevitabilmente questa dieta restringe il campo delle scelte alimentari. Non si tratta di limitare pane e pasta, o di inserire qualche risotto in più, ma bisogna eliminare del tutto ogni fonte di glutine e contaminazione e continuare a farlo per sempre. Possiamo solamente immaginare l’angoscia che prova il tuo cliente celiaco che sta entrando in questo nuovo mondo ed ha bisogno di aiuto.  E la seccatura non è solamente del diretto interessato, ma di tutta la sua famiglia che deve adattarsi ad un nuovo inizio.

Ti voglio parlare di Giorgia, la mamma di Davide, di 7 anni e mezzo, che dopo aver notato in lui una crescita lenta, quasi arrestata, analizzando altri fattori insorti è stata indotta ad eseguire gli esami di routine, che l’hanno portata a scoprire la malattia di suo figlio. Notizia piovuta così… dal niente.

Che batosta!

Mentre raccontava, a metà tra affermazione e domanda, le ho chiesto: <<quanto è dura essere genitori?!>>

Giorgia sospira: << Difficilissimo… Non ci hanno fornito un libretto delle istruzioni per gestire al meglio queste situazioni, e quando a complicare le cose arriva anche la ciliegina sulla torta CELIACHIA, diventa tutto più complicato>>

Ora conosce si la causa dei suoi disturbi, ma immagina la complessità di riorganizzare l’alimentazione di tutta la famiglia, dalla colazione agli spuntini, a Davide che desidera volersi ancora scambiare la merenda a scuola con il suo compagno di banco, ma viene guardato “strano” perché il suo cibo è “diverso”, ed al suo imbarazzo che accresce il malessere.

Perché ti diciamo questo?

Perché il tuo cliente celiaco, che già deve fare i conti con mille difficoltà, non vuole dover rinunciare al gusto di prodotti buoni davvero, vorrebbe continuare ad appagarlo, ma si deve rassegnare a farlo.

Noi invece, lo fermiamo e gli facciamo assaggiare i nostri Cookie Scozzesi.

I primi originali, i primi BUONI!! Anche se Bio. I primi alternativi con una qualità superiore, i primi che appagano tutti i sensi, e che faranno festeggiare il suo palato.  Ed è incredibile. Li può condividere con gli amici intolleranti al lattosio, con quelli intolleranti alle uova, con l’amica vegana, e persino con gli Umani. Non contengono aromi artificiali, coloranti e nemmeno grassi idrogenati.